Contenuti testuali: il Trentino

Toscana, Lombardia, Friuli Venzia Giulia, Emilia-Romagna, Liguria… il nostro paese è splendido, e il nostro portale nazionale del turismo italia.it ha gioco facile nel metterne in risalto le innumerevoli qualità e bellezze. E così, proseguiamo il giro d’Italia sul portale. A farci da Cicerone Alessandro, che ci accompagnerà sulle belle montagne della sua regione, il Trentino Alto Adige – belle ma geograficamente secondarie, diciamocelo, come giustamente rimarca il portale.

Dunque, in “scopri l’Italia” e cercando “montagne” in Trentino, forse la regione più montagnosa d’Italia dopo la Val D’Aosta, non ne figura nessuna! Neppure le montagne più famose del mondo, le Dolomiti!

Hanno scritto anche “Tentino” anziché Trentino nell’indirizzo dell’Apt centrale, sbagliando ovviamente anche l’indirizzo internet.

Ma non basta: nella sezione “province” alla descrizione di Trento il famosissimo Monte Bondone diventa “Boldone” e l’altra celebre montagna dei trentini, la Paganella, diventa il “Monte Raganella”!

Il celeberrimo Parco dello Stelvio, secondo il portale italia.it ha subìto un drammatico ritiro, come i ghiacciai: non figura infatti né in Trentino né in Alto Adige, essendosi ritirato nella sola Lombardia.

Oltre alla geografia, si poteva non sconciare la sintassi? Certo che no:

“Trento, dove si incontrano arte e natura Punto di incontro tra la cultura italiana e quella mitteleuropea, Trento è un tesoro tutto da scoprire: l’arte, la cultura, la storia, trovano espressione in palazzi, musei e chiese, che, adagiato ai piedi di montagne maestose”

Ehm ma il soggetto qual è?

Ancora sul bello scrivere:

“si possono assaporare pasti contadini di origine povera come lo “smacafam”, piatto forte del carnevale trentino (? – ndr), piatti a base di mele, di cui è ricca la regione…”

Insomma la regione è ricca di “piatti a base di mele”: forse volevano dire di coltivazioni di melo? O che la gastronomia regionale è ricca di piatti etc?

Decisamente comica anche la descrizione della gastronomia: secondo il mega portale italia.it i piatti tipici trentini sarebbero “l’anguilla (?) alla trentina”, “la pasta e fagioli” (!), il “pasticcio di maccheroni” (???), poi “la salsiccia cotta al forno” e la “frittata con farina e latte” (!!!).

Io sono di Trento e per lavoro (fotografo) giro da 6 anni in ristoranti, agritur, trattorie, osterie, rifugi, malghe etc, e posso assicurare che mai mi hanno proposto come piatto tipico “l’anguilla alla trentina”.
La “salsiccia cotta al forno” non ho la piu pallida di cosa possa essere e, se esiste un piatto simile, di sicuro non ha questo nome.

Un piatto tipico trentino, direi il più famoso, sono gli “strangolapreti”, ma sul sul portale non c’e’ traccia. Mi immagino peraltro il povero turista che va al ristorante ordinando “un’anguilla alla trentina” col cameriere che, strabuzzando gli occhi, gli fa “PREGO?”.

La celebre Tosèla, formaggio tipico del Primiero, viene spacciato come prodotto dei “caseifici di Costa di Folgaria o di Lavarone”: del Primiero nessuna traccia.

Infine una nota sul meteo, che sembrano redatto dal Catalano di arboriana memoria:

“Che tempo fa! Il clima varia da Nord a Sud, dalle coste alle vette di montagna. Le temperature a livello del mare tendono ad essere tali anche nelle città intorno, mentre sulle altitudini vi sono repentini cambiamenti climatici tra Inverno ed Estate. La stagione invernale è rigida sulle Alpi, con la neve presente sin da metà settembre”

Ellapeppa! In pianura La neve da metà settembre! A 4000 metri, forse.
A questo punto c’è da chiedersi: ma un turista che viene da un paese caldo indirizzato in Trentino da italia.it, verrà vestito col colbacco e la pelliccia come Totò e Peppino alla stazione di Milano nel celebre film?

8 comments so far

  1. Lorenzo on

    Svarioni a parte, per quanto riguarda il Trentino è abbastanza facile trovarvi.

    Per contro se qualcuno dovesse cercare notizie sull’Alto Adige dovrà espatriare, o comunque conoscere perlomeno il tedesco, in quanto per trovarci dovrà cliccare sul link http://www.suedtirol.info

    Si ringrazia il Presidente della Provincia Durnwalder per l’assidua sorveglianza sull’applicazione del bilinguismo.

    Lorenzo

  2. Lorenzo on

    Se poi qualcuno si prenderà la briga di valutarne il contenuto, lo stesso non è poi tanto dissimile da quello riferito al Trentino
    Lorenzo

  3. mazzetta on

    Da notare che lo stesso portale regionale del Trentino era gestito fino a poco tempo fa dalla stessa Tiscover

  4. aghost on

    infatti, tra l’altro il portale http://www.vacanzeingermania.com/ somiglia molto al portale italia.it, che tiscover abbia usato un template? :D

  5. Old Jacques on

    @aghost
    un po’ di marketing? Sono due le strategie (generalizzando molto, ovviamente), per lo più opposte tra di loro, per poter entrare in un mercato già stabile (come il turismo): “Blend in” oppure “Stand out”.
    Il fatto che non si distanzia molto da paradigmi esistenti questo portale è forse l’influenza di un’approccio di non staccarsi dai concorrenti, che non sorprende con una gestione che comprende IBM&Co che sono da sempre abbastanza conservatori nelle pubblicità. L’altro approccio sarebbe l’approccio “Toscani/Benetton” – “Shock value” a tutti costi: preti che si bacciano, cavalli che si montano in Piazza San Babila, più scioccante=più vendibile.

    Hai mai notato un nuovo detersivo al supermercato che non c’era prima? Non hai mai notato che tutte le bottiglie assomigliano, anche i marchi nuovi che non hai visto fin’ora? Templates: in un certo senso sì, ma più che altro un senso preacquisito di fiducia (spesso immotivata, ovviamente).

  6. Old Jacques on

    @aghost (dimenticavo)
    Hai dato un’occhiata a qualche portale concorrente? non è che ci sia ‘sto granché di differenza con altri, se non per i dettagli funzionali e comunicativi (spesso differenze anche sottili) che negli altri c’è, e qui no.

    Non bastava semplicemente copiare?
    un solo esempio per ora: perché il sito non è disponibile (anche) attraverso italy.it?
    Il dominio risulta registrato sempre alla “Presidenza del Consiglio dei Ministri”, per cui problemi non ci sarebbero. Non è più famoso in tutto il mondo (qui in Italia compreso) “Made in Italy” che non “Made in Italia”?

    Costarebbe una sciochezza, dal punto di vista tecnica, fare andare http://www.italia.it sulla pagina attuale di scelta di lingua (o magari usare GeoLocalization per indovinare la prima volta?) e fare andare http://www.italy.it su una pagina in inglese, o almeno una pagina per fare la scelta che utilizzi almeno l’inglese nel Flash.

  7. immaterial on

    lorenzo, ma di cosa ti lamenti? per scrivere france devo sapere il francese? per scrivere hellas devo parlare il greco? per scrivere suedtirol devo parlare il tedesco? mi par di no! ho poi visitato il sito, superprofessionale, dell’ente turistico sudtirolese. un vero esempio per italia.it! come al solito, dalle vostre parti i soldi vengono investiti bene.

  8. […] poco da ridere, delle regioni Liguria, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giuliae Lombardia, Toscana, Trentino Alto Adige. Ho deciso di dare uno sguardo piu’ approfondito ai testi riguardanti la regione Marche e le […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: