Rutelli riceve 3250 No al Marchio Italia

scandaloitaliano ha sostenuto e “fatta sua” la petizione dell’AIAP (associazione italiana progettazione della comunicazione visiva) contro il bitorzoluto cetriologo fin dal primo istante, come testimonia il banner qui a destra sulla sidebar.

E dunque facciamo nostro e rilanciamo anche l’aggiornamento sullo stato della questione scritto ieri da Gianni su SocialDesignZine, e-zine dell’Aiap.

Le firme contano

Cari firmatari della Lettera aperta / Petizione che chiede di ripensare la scelta del marchio “it”, sarete felici di sapere che il documento con allegate le oltre 3250 firme fin qui raccolte, è stato consegnato al ministro Francesco Rutelli e al presidente della Commissione Cultura Pietro Folena.
E che, dopo l’incontro di ieri alla Camera dei Deputati di una delegazione dell’Aiap con l’onorevole Giuseppe Giulietti, ci sono già alcuni risultati significativi.

Stamattina, in Commissione cultura, l’onorevole Giulietti ha avanzato formale richiesta di chiarimenti in merito alla gestione e ai risultati del concorso che ha portato alla selezione del nuovo marchio turistico dell’Italia, sottolineando la necessità di ascoltare la voce di un’associazione rappresentativa del mondo della comunicazione visiva come l’Aiap.
Il presidente Pietro Folena ha condiviso le osservazioni di Giulietti invitando ad una audizione l’Aiap.

Vi terremo informati degli sviluppi nei prossimi giorni.

17 comments so far

  1. Francesco on

    80-100.000 euro per un brutto sgorbio ed uno slogan già utilizzato una trentina di volte (e probabilmente di più), come ampiamente documentato
    qui.

    @Landor: tanti tanti complimenti per l’originalità, eh ?

  2. Franco F. on

    Ieri alla Camaera c’è stata un’interrogazione di Campa e Palmieri a proposito del sito Italia.it con risposta di Chiti.

  3. Franco F. on

    Resoconto dal sito camera.it

    (Mancato rispetto dei requisiti di accessibilità per i soggetti disabili nella realizzazione del portale del turismo italiano http://www.italia.it – n. 3-00704 )

    PRESIDENTE. L’onorevole Campa ha facoltà di illustrare l’interrogazione Leone n. 3-00704 (vedi l’allegato A – Interrogazioni a risposta immediata sezione 10).

    CESARE CAMPA. Signor Presidente, ministro Chiti, il ministro Rutelli ha finalmente presentato il portale del turismo italiano. Da più parti ci viene segnalato che detto portale, pur in presenza dei 45 milioni di euro di spesa prevista per la sua realizzazione, risulta non accessibile. Insieme al collega Palmieri, nel corso della passata legislatura, (continua qui)

  4. Franco F. on

    Solo ora vedo il post di ieri…

  5. Luca Carlucci on

    No problem. Ti ho editato il post in modo da rendere il thread più ordinato.

  6. paulista on

    il portalone è down… vedere per credere

    Error 503: Failed to load target servlet [portal]

  7. Cappe on

    E andiamo!!!

  8. Luca on

    ragazze ragazzi ma daiiii.

    100.000 eruo per quel logo? suvvia è una candid camera.

    ragazze ragazzi ma daiiiii.

    45 milioni di euro per quel sito? siete su scherzi a parte!

  9. mazzetta on

    La gentile signor Faraci, una dei due responsabili italiani di http://www.lineadirettacolpremier.it, che fa parte di un progetto europeo che darà a ciascun premier un sito personale attraverso il quale interfacciarsi con gli europei, mi fa sapere che questo sito non “ci” costa nulla e che è un pò in ritardo causa la crisi di governo (“mi” aveva assicurato che sarebbe stato attivo in un settimana, giusto nella settimana prima della crisi).

    “Tengo a rispondere subito alla sua domanda riguardo i contributi statali che sostengono il nostro sito. Posso riferirle con certezza che l’intero progetto europeo si basa sul lavoro VOLONTARIO di studenti di varie università europee, sul sito: http://www.communination.eu può vedere con i suoi occhi il numero dei partecipanti per il progetto italiano (ad oggi 2).
    Dall’Italia dunque 0 euro, dall’ EU non so a quanto ammonta la cifra in quanto non è nelle mie competenze.”

    Mi viene però da chiedermi come farà Prodi a gestire il sito italino del premier, quello europeo e pure quello del suo “partito”…mah…sfugge la logica di una organizzazione del genere, così come quella del mettere in linea il sito e poi aprirlo in un secondo tempo indefinito…

    Qualcuno sta esplorando gli stanziamenti per internetculturale.it?
    Proviamo a mettere insieme una black list dei siti pubblici costosissimi?

  10. aghost on

    si è un’ottima idea mazzetta :) Se pensi che solo italia.it + internetculturale fanno la bella sommetta di 82 milioncini di euri… :)

    Quanti webmostri ci sono in giro senza che noi contribuenti lo sappiamo?

    Sul sito “lineadirettacolpremier” sono perplesso: un sito nazionale con 2 soli volontari? Ma all’astero questi siti chi li finanzia? Forse i due volontari italiani aspettano che arrivi qualche quattrino dalla ue?

    Mi pare francamente una cosa senza poco senso.
    Prodi poi ha chiuso il suo blog non appena finite le elezioni… mah

  11. Daniela Faraci on

    Il sito http://www.lineadirettacolpremier.it è totalmente funzionale dal 9 maggio 2007, la collaborazione di tutti sarà gradita.

  12. aghost on

    collaborazione di tutti? ah si? E per far che? Noi scriviamo come degli scemi, e magari dall’altra parte non ci sta nessuno. No dico, la volete capire che non è cosi che funziona. Ci dev’essere qualcuno che risponde!

  13. frap1964 on

    Che senso ha scrivere a qualcuno che non risponde (vedi petizione promossa da questo blog e sottoscritta da oltre 1500 persone)?
    Lineadiretta col nulla. Nella migliore delle ipotesi funzionerà come spiegato QUI e un qualche funzionario e/o ufficio stampa sarà incaricato di dare qualche risposta generica e/o preconfezionata ai quesiti meno scomodi.
    Come in questo caso (sito governativo della Funzione Pubblica) dove la rubrica è stata “temporaneamente sospesa” da oltre un anno.

  14. aghost on

    frap sottoscrivo al 100%. Vadano a chegher! Io dovrei sprecare il mio tempo per cosa? Per essere preso in giro?

  15. frap1964 on

    @Daniela
    Leggendo QUI si scopre che da lunedì 21 maggio (pomeriggio) sarà disponibile il “nuovo” sito del governo http://www.governo.it .

    “Il portale si presenta con una grafica rinnovata e molti servizi interattivi in più, inclusa la possibilità di scrivere al Presidente e agli uffici del Governo. Si tratta di una doverosa scelta di trasparenza, nel quadro di un sempre maggiore rapporto diretto con i cittadini.”

    Bella iniziativa la vs., ma forse è un po’ fuori tempo massimo… (o ci sarà il link dal sito del governo a lineadirettacolpremier ?)

  16. Paoletto on

    Ma che http://www.lineadirettacolpremier.it/

    Under Construction!
    Welcome,
    This site is currently under construction. Please check back at a later time.

    Nel mentre lo costruivano cadde il governo… una specie di fabbrica del Duomo, destinata a non sopravvivere ai suoi propalatori…maddai, ridicoli!!!

  17. Paoletto on

    BTW…

    Stamattina, in Commissione cultura, l’onorevole Giulietti ha avanzato formale richiesta di chiarimenti in merito alla gestione e ai risultati del concorso che ha portato alla selezione del nuovo marchio turistico dell’Italia, sottolineando la necessità di ascoltare la voce di un’associazione rappresentativa del mondo della comunicazione visiva come l’Aiap.
    Il presidente Pietro Folena ha condiviso le osservazioni di Giulietti invitando ad una audizione l’Aiap.

    …ma ché?!? Si fanno il culo da soli?!? E io che pensavo che le seghe mentali fossero una… figura retorica!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: