IBM scrive, la blogosfera risponde

Andrea Giammarchi per scandaloitaliano rivisita, e chiosa a suon di link tratti dalla blogosfera,  la lettera “difensiva” che IBM ha inviato a La Stampa rivendicando la qualità del lavoro svolto per realizzare il portale nazionale del turismo italia.it
Quello che segue è il testo integrale della lettera, alla quale sono stati aggiunti alcuni link a mo’ di commento e, in corsivo, alcune chiose al testo.

“Caro Direttore,

In riferimento all’articolo pubblicato ieri dal suo quotidiano con il titolo “Italia.it, la rivolta corre sul web”, IBM Italia, mandataria del Raggruppamento Temporaneo d’Impresa composto con ITS e Tiscover, desidera evidenziare i seguenti fatti.

Nel luglio 2005, la Società Innovazione Italia ha aggiudicato al Raggruppamento Temporaneo d’Impresa costituito da IBM, Tiscover e ITS, una gara pubblica europea. L’entità era pari a 7.8 milioni di Euro.

La gara assegnava al Raggruppamento d’Impresa un progetto complesso che non si è limitato alla realizzazione del portale, ma ha previsto i seguenti servizi accessori:

Nello specifico, IBM chiarisce che:

  • Quella on-line, come annunciato all’ultima edizione del BIT, costituisce la prima versione del portale. Da qui ai prossimi mesi, il portale sarà oggetto di continui aggiornamenti evolutivi, in parecchie sue componenti, anche grazie al contributo di altri attori, soprattutto le Regioni. A oggi, sono sei, ehm … 5, le Regioni che hanno già cominciato a fornire un contributo.
  • Il portale è stato sviluppato accogliendo ampiamente le direttive del W3C, garantendo quindi un buon grado di accessibilità. Entro il mese di aprile 2007, l’accessibilità sarà totale, in accordo con la Legge 4/2004 (Me: Articolo 4).
  • Già prima di andare on-line con l’attuale versione, IBM ha coinvolto gruppi di validatori che tuttora supportano il team tecnico nel raggiungimento dei massimi livelli di accessibilità.
  • Analogamente a quanto avvenuto in numerosi portali internazionali, la scelta di utilizzare alcune applicazioni Flash è scaturita principalmente dall’obiettivo di migliorarne gli aspetti promozionali.
  • Sui casi di limitazione di accessibilità, principalmente legati a specifiche caratteristiche del contenuto (ad esempio i contributi multimediali), IBM sta lavorando per predisporre soluzioni al di là delle richieste specifiche della legge (Me: requisiti 3, 5, 15, 16, 17, 18, 19, 20 – inizialmente, 21). Per esempio, dal portale è già oggi possibile scaricare gratuitamente software multilingua di ausilio (Me: il software di ausilio non serve se il sito nasce accessibile, richiede invece di essere tovato, scaricato ed avviato da qualunque sistema operativo, non solo Microsoft) a persone non vedenti, ipovedenti o con poca dimestichezza con gli strumenti informatici.
  • Secondo un benchmark effettuato da IBM con il tool di validazione comparativa “adesigner”(Me: adesigner è un software di … IBM) (wcag 1.0/section 508), il portale si posiziona attualmente ai primi posti rispetto ai principali portali nazionali del turismo di tutto il mondo (Me: da quando le leggi specifiche si interpretano in base ad un confronto mondiale?).
  • Attualmente, il portale utilizza (Me: in modo non semantico né accessibile) il linguaggio HTML 4.0.1DTDstrict, nell’ambito di una piattaforma che assicura stabilità funzionale, sicurezza ed elevati carichi transazionali. Nei piani di evoluzione del sistema è comunque prevista la migrazione verso versioni successive.
  • Il Portale è al momento popolato da circa 50.000 schede turistiche (Me: dai contenuti già criticati) disponibili in 4 lingue. Un nostro team editoriale sta lavorando per migliorarne l’accuratezza del linguaggio e l’aggiornamento delle informazioni.
  • Tra il 22 Febbraio e il 7 marzo sono stati rilevati 240.000 accessi con oltre 2.000.000 di pagine consultate (Me: sarebbe imbarazzante verificare che sono al 90% accessi da italiani o sviluppatori di settore per testare con mano critiche o proporne di nuove, oppure potete fornire statistiche per nazione e permanenza media nelle pagine del portale?). Per concludere, IBM Italia conferma la volontà di prestare attenzione nei confronti di tutti i suggerimenti costruttivi provenienti dalla Rete, con l’obiettivo di garantire il costante miglioramento del Portale nell’interesse del Paese (Me: un colosso come IBM non dovrebbe avere bisogno dell’aiuto “costruttivo” di addetti ai lavori per la maggiore sotto pagati e non considerati come sperato da questo stesso paese, altrimenti verrebbe quasi da pensare che IBM non abbia personale altamente qualificato … come si presume invece che un’azienda “della sua portata” abbia).

IBM Italia Spa (Me: Andrea Giammarchi, “pinco palla” di settore pluri certificato)”

4 comments so far

  1. Miguel on

    ..Ho la stessa sensazione come quando parlano i politici: ma questi qua ci CREDONO a quello che dicono … O lo dicono solo per para-cularsi?!?! Mah!

  2. mazzetta on

    la seconda che hai detto indubbiamente…

  3. nerio on

    ma questo qui ha visto che hanno fatto nascere Napoleone in Toscana?, che mettono gli alberghi di una provincia in un’altra? Che citano cinema chiusi da dieci anni dove adesso ci son supermercati? Che non citano le Dolomiti? Che chiamano Fellini Gioacchino? Ma dove vive? Che cosa mi rappresenta? Chi è? Che faccia può avere per difendere queste ignoranze e arroganze e demenze?

  4. […] sua lettera del marzo 2007 a La Stampa IBM sosteneva di aver approntato anche hosting in alta affidabilità e il Disaster […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: