Italia.it: tutti al mare… [Discover Italy!]

Sono turista cinese, me piace molto mare e spiaggia.
Non conosco vostro paese, non mai venuto.
Visto www.italia.it , fatto click su Visit Italy.


Wow! Discover Italy!

Discover Italy! menu

Ehm… “seleziona” ? (cerco online… ah… OK: select).
Ehm… “sea and beaches” ? (cerco online… ah… OK: è mare e spiagge).
Ora legge:

“Lo stivale… Coperto per l’80% da montagne e colline e delimitato da più di 8.000 chilometri di costa, ora bassa e sabbiosa, ora alta e rocciosa, il territorio italiano è unico al mondo per la sua varietà: un equilibrio perfetto di mare e montagna, collina e pianura che, grazie al clima temperato che quasi mai sale sopra i 40 gradi al Sud e sotto i 10 gradi al Nord, rende l’Italia uno dei paesi più interessanti ed accoglienti per turisti e viaggiatori per tutti i mesi dell’anno. “

Wow! Ecco spiagge Italia.

Discover Italy!

Friuli : alto adriatico. Ok, qui spiagge.

nota: fai click e la posizione attuale si sposta in Veneto!
Vedere foto che illustra una bellissima piscina…

[Veneto]: (no spiagge… allora qui… costa alta e rocciosa)
Emilia: riviera romagnola. Ok, qui spiagge.

nota: fai click e la riviera romagnola diventa riviera adriatica, tanto per chiarezza!

[Liguria]: (no spiagge… allora qui… costa alta e rocciosa)
Toscana: versilia. Ok, qui spiagge.
[Marche]: (no spiagge… allora qui… costa alta e rocciosa)
Lazio: le isole pontine (ah… qui solo isole… allora qui… costa alta e rocciosa)

nota: vedere foto che illustra le ampie spiagge delle isole pontine…

[Abruzzo]: (no spiagge… allora qui… costa alta e rocciosa)
[Molise]: (no spiagge… allora qui… costa alta e rocciosa)
Puglia: (ah… anche qui isole… allora qui… costa alta e rocciosa)

nota: vedere foto che illustra le ampie spiagge delle isole tremiti…

Campania: costiera amalfitana. Ok, qui spiagge (!)

nota: vedere foto che illustra le ampie spiagge della costiera amalfitana…

Basilicati(…con la i!): Maratea. Ok, qui spiagge.

nota: vedere foto che illustra un’ ampia spiaggia a Maratea…

[Calabria]: (no spiagge… allora qui… costa alta e rocciosa)
Sicilia: taormina;riserva dello zingaro. Ok, qui spiagge.

nota: vedere foto della spiaggia di Taormina…
vedere foto ampia spiaggia riserva naturale dello zingaro

Sardegna: costa smeralda. Ok, qui spiagge.

nota: Dove si trova. E’ situata sul tratto di costa nord-orientale (la Gallura) della Sardegna, ed è raggiungibile via mare da Olbia
(ad appena 35 km), che ha anche l’aeroporto.
Altrimenti, un altro scalo vicino è quello di Alghero (170 km).

Uhmm… tante coste ma solo poche… qualche spiaggia e poi non tanto grande.
Questo paese molte coste, ma alte e rocciose.
Uhmm…. forse meglio vedere Grecia, Croazia, Turchia o Spagna.
Ciao ciao Italia.
Credo non bene per me.

Ora chi gli spiega al cinese che questa non è Discover Italy…
Che questa è Tiscover Italy ?

Massì dai, il turismo balneare dall’estero… son solo quattro mesi l’anno… ma checcenefrega. :-)

10 comments so far

  1. aghost on

    “Lo stivale… Coperto per l’80% da montagne e colline e delimitato da più di 8.000 chilometri di costa, ora bassa e sabbiosa, ora alta e rocciosa”

    quanti turisti NON italiani saranno in grado di identificare “lo stivale” con l’Italia? :)

  2. Old Jacques on

    Non so cosa pensare di stranieri leggendo l’italiano (in teoria, se conoscono la lingua italiana a sufficienza per poter comprendere il resto del testo, non credo che sarà la prima volta che associano la forma geografica dell’Italia con “Stivalo”), in inglese e nei paesi anglosassoni comunque, l’Italia è comunamente associato con la forma geografica di “a boot”, com’è scritto nel testo inglese (“The boot: this is the definition residents have affectionately given the peninsula stretching for over 1 300 km from the Alps to the Mediterranean Sea”).

    Vedo molto più problematico che nella sezione in inglese, per chi dovesse scegliere l’inglese, la mappa Flash “Discover Italy” è completamente in italiano, senza traduzioni. Chi parla inglese difficilmente rieuscirà associare “mare e spiagge” con il concetto “sea and beaches”. Questo è MOLTO più gravi (e meno scusabile) secondo me.

  3. galalith on

    semplicemente, tra quelli che hanno fatto il sito non c’è ne uno che abbia minimamente lavorato nel turismo.

    Classica manovra italiana…come i carpentieri che aprono i ristoranti, gli architetti che fanno gli ingenieri, i costruttori che aprono gli alberghi…

    Tutto ha una sua logica, illogica.

  4. aghost on

    la logica c’è, ferrea: succhiare appalti

  5. […] dopo aver verificato il trattamento riservato alle spiagge d’ Italia, già descritto in questo post, dal quale la riviera romagnola è uscita quasi indenne (ad altre Regioni è andata molto molto […]

  6. aghost on

    be, ora il nostro amico cinese potrà visitare l’italia senza muoversi: su Second Life!

    Apertura in via sperimentale di un Istituto Italiano di Cultura all’interno di “Second Life” il mondo online in 3D, virtuale e interattivo

    9 marzo 2007 – Il Ministero degli Affari Esteri ha aperto oggi in via sperimentale un Istituto Italiano di Cultura all’interno di “Second Life” (www.secondlife.com), il mondo online in 3D, virtuale e interattivo, creato dalla società americana Linden Lab, che conta quattro milioni di utenti in rapido ed esponenziale aumento in tutto il mondo.

    L’IIC virtuale, dotato di spazi espositivi flessibili e a costi di allestimento estremamente contenuti, è stato edificato all’interno di un lotto nella regione “Eup” – sorta di “East Village” di Second Life – sulle rive di un lago. Si tratta del primo centro di promozione culturale nazionale che vede la luce sul web, nel cuore di una complessa realtà culturale internazionale in costante cambiamento.

    Nei suoi spazi è già in allestimento la mostra di giovani artisti visivi, “On the Edge of Vision”, che nel mondo reale è stata inaugurata dal Presidente del Consiglio Prodi a Kolkata nel corso della sua visita in India, il 12 febbraio scorso. Una parte della mostra, curata dal Prof. Lorenzo Canova – co-curatore, insieme a Maurizio Calvesi, della Collezione d’arte italiana contemporanea della Farnesina – sarà esposta a Mumbai il 25-28 marzo prossimo all’interno della grande rassegna sull’audiovisivo in India, “Frames”; successivamente è destinata a proseguire New Delhi e successivamente, per una circuitazione in altri Paesi dell’Asia.

    L’Istituto di cultura virtuale, ospiterà successivamente altri eventi espositivi che il Ministero degli Esteri sta lanciando per la circuitazione in varie aree geografiche ed in vari settori. Svolgerà pertanto una funzione di “vetrina” dell’azione della Direzione Generale per la Promozione Culturale, centro direzionale di 90 Istituti Italiani di Cultura nel “mondo reale” i quali quotidianamente operano per la promozione della cultura italiana all’estero, organizzando oltre 9000 eventi l’anno. Ad essi si aggiungono 61 Rappresentanze diplomatiche e culturali in aree dove ad oggi non sono presenti Istituti di cultura, per un totale di 108 Paesi in tutto il mondo.

    La piattaforma di Second Life consentirà di dare nuovo slancio alla promozione della creatività italiana soprattutto nei settori dell’arte contemporanea, del design, dell’architettura e del patrimonio culturale.

    Un brivido corre lungo la schiena: quanto è costata al contribuente questa baracconata virtuale? (con soldi veri)

  7. watanabe on

    per quanto concerne i costi dell’operazione desidero informarvi che essi consistono in 500 euro complessivi impiegati da un gruppo di volontari.
    saremmo lieti di illustrarvi ed approfondire le attivita’ promosse dall’istituto virtuale e di mostrarvi lo spazio, qualora voleste visitarlo. l’istituto si trova nella regione “eup” alle coordinate 156, 156, 52.
    cordiali saluti,
    staff iic

  8. aghost on

    non capisco: il Ministero degli Affari Esteri ha aperto in via sperimentale un Istituto Italiano di Cultura all’interno di “Second Life “investendo” 500 dollari?

    I volontari chi sono? Perché l’hanno fatto?

    Se lo spiegate qui sarebbe bello, io su SL non ci posso entrare perché non ho adsl

  9. watanabe on

    per accrescere la visibilità delle attività della rete degli istituti italiani di cultura all’estero, che da anni organizzano migliaia di eventi in tutto il mondo.
    hanno constatato un crescente interesse della stampa per SL e hanno deciso che poteva essere una piattaforma da sperimentare per la promozione di mostre (reali) di giovani artisti italiani, per di più a costo zero: un’operazione di “web-marketing”.
    sfruttando il passaparola su SL e sul web le informazioni sulla prima mostra sono state riprese da moltissimi siti in molti paesi.
    mettendo tra virgolette “on the edge of vision” su google se ne vede l’effetto..
    sembra un risultato positivo.. che ne pensate?

  10. […] scandaloitaliano dette il suo modesto contributo documentando l’assenza totale di spiagge nella regione oltre che la pregevole scheda promozionale di Jesolo, di cui si magnificavano le prestigiose […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: