IBM a Napoli per il software del turismo… e dei beni culturali

Il nostro attuale ministro delle riforme e delle innovazioni nella pubblica amministrazione Luigi Nicolais si sta dando molto da fare per attrarre investimenti tecnologici nell’area campana.
Al momento non ci sono veri e propri annunci ufficiali, ma pare che IBM sia fortemente intenzionata ad aprire un centro mondiale per lo sviluppo dei software del settore turistico e dei beni culturali a Napoli.

 

Qualche link dei pochi che si trovano in rete sull’argomento:

Ministero dell’ Innovazione – Rassegna stampa

Ministero degli Affari Regionali e delle Autonomie Locali – Rassegna stampa

Università degli studi di Napoli – News

Il Denaro.it

Che dire… dopo il successone del portale www.italia.it c’è di che stare veramente allegri. :-D

E’ invece già ufficiale che IBM aprirà un nuovo centro di competenza dedicato alle tecnologie semantiche nell’area di Soccavo, un quartiere di Napoli facente parte della zona dei Campi Flegrei (municipalità 9).

En passant pare che anche Microsoft si sia decisa a sbarcare nell’area napoletana, viste le interessanti prospettive legate al nuovo eldorado italico, 
l’ e-government: tre miliardi di euro per l’innovazione nell’ ultima finanziaria 2007.
Al confronto i fondi spesi e disponibili per il portale Italia.it sono bruscolini.
Non è un caso comunque che il 16 ottobre u.s. il nostro ministro abbia incontrato un signore leggermente calvo e nato a Detroit che forse alcuni conoscono.
Gli altri possono vedere qui.

Sia chiaro comunque che la nomina del 15 novembre u.s. a presidente dell’ ENIT – Agenzia Nazionale per il Turismo di Umberto Paolucci (Presidente di Microsoft Italia e Vice Presidente di Microsoft Corporation), di cui si è parlato in questo post, deve intendersi  come una coincidenza del tutto casuale.

7 comments so far

  1. Luca Carlucci on

    Su Umberto Paolucci anticipo una spigolatura che vorrei riportare in un prossimo post a lui dedicato.

    Vediamo la suo bio sul sito di microsoft Italia:
    http://www.microsoft.com/italy/stampa/azienda/staff/articolo_sez41info399.mspx

    “Senior Chairman Microsoft EMEA
    Vice President Microsoft Corporation
    Presidente Microsoft Italia”

    Uhm, bene. Cosa c’è di strano, direte voi.

    Niente. Però si dà il caso che Umberto sia pure cavaliere del lavoro – ci mancherebbe – e sul sito dei cavlieri c’è un’altra bio che, tra le altre cose, recita:

    “Da febbraio 2002 come vice presidente di Microsoft Corporation è responsabile delle strategie nei settori Corporate e Government.”

    http://www.cavalieridellavoro.it/cavaliere.php?numero_brevetto=2472

    Chiaro che con “settore goverment” s’intende il business di appiopparte software Microsoft alle amministrazioni pubbliche. E curioso che la bio ufficiale sul sito Microsoft Italia non menzioni questo particolare non proprio secondario.

    Doppiamente curioso, se si considera poi che la bio di Paolucci sul sito Microsoft mondiale riporta il tutto in bella evidenza!

    “Umberto Paolucci
    Senior Chairman, Microsoft EMEA
    Vice President for Corporate and Government Strategy, Microsoft Corporation”

    http://www.microsoft.com/emea/about/executivebiographies/umbertoPaolucci.mspx

    Triplamente curioso, se si considera che la specifica del suo ruolo per il government business era menzionata nella bio Microsoft Italia almeno fino al 2003 (wayback machine).

    O come mai in questa bio Paolucci menziona lauree ad honoris e preti, e non menziona di cosa si occupa in quanto vicepresidente di microsoft corp.?

    Forse perchè lo Stato italiano è il più grande cliente di Microsoft in Italia? E per uno che predica da anni la mobilità dei manager tra enti pubblici e aziende private, finendo poi col metterla in atto, ecco, non apparirebbe troppo elegante menzionare che il suo business di riferimento è proprio vendere software della sua azienda a clienti pubblici?

    Mah, chissà. Forse è una semplice dimenticanza.

  2. aghost on

    guarda che se andiamo a vedere gli stipendi dei cosiddetti “manager di stato” apriamo letteralmente un vaso di pandora.

    Anche sugli immondi favori reciproci tra privati-funzionari statali. Uno dei più clamorosi fu l’indecente assunzione in Telecom di Romano Righetti, che solo pochi mesi prima aveva trattato importanti questioni tariffarie con telecom stessa in qualità di… direttore dell’Authority!

    Anche la Manacorda dell’Authority, per dire, è un’ex dipendente telecom.

  3. aghost on

    noi italiani siamo il paese più scalcinato d’europa ma i manager di stato o di monopoli vari sono quelli con gli stipendi più ricchi, anche il doppio o il triplo dei colleghi omologhi europei

    vedi mio post
    “Italia paradiso delle stock-options”
    http://aghost.wordpress.com/2006/08/23/italia-paradiso-delle-%e2%80%9cstock-option%e2%80%9d/

    e soprattutto
    “L’azienda va male ma gli stipendi benissimo”
    http://aghost.wordpress.com/2006/03/29/lazienda-va-male-ma-gli-stipendi-benissimo/

  4. aghost on
  5. aghost on

    microsfot ha aperto a trento, finanziata lautamente dalla Provincia, il “Microsoft Research-University of Trento Centre for Computational and Systems Biology”

    Toh guarda chi c’è, Paolocci che dice: “Valorizzerà le attività scientifiche del nostro Paese”

    Apposto siamo! :D

  6. frap1964 on

    Nel caso qualcuno ritenesse che la questione “software beni culturali” fosse del tutto casuale, conviene leggere questo annuncio di IBM relativamente a Italia.it e BIT 2007.

  7. Luca Carlucci on

    Delizioso, dopo 19 mesi di lavoro, l’uso del futuro in quel comunicato del febbraio scorso:

    “La realizzazione sarà curata da un’associazione temporanea di imprese cappeggiata da IBM Italia e che vede la presenza di ITS e Tiscover.”


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: