italia.it: alcune semplici notazioni di web design

Il “dialogo” con IBM/ITS/Tiscover (le tre aziende che con 9.6 milioni di euro IVA compresa e quasi due anni di lavoro hanno realizzato il portale) è partito, con effetti oggettivamente grotteschi: se il blog è un ambiente e un dispositivo comunicativo con la sua logica e le sue leggi, loro lo stanno (per ora) uccidendo usandolo come vetrina per comunicati stampa anonimi e con una totale “assenza” di qualsiasi dialogo e comunicazione. Sembrano, tutto sommato, esseri primitivi alle prese con un apriscatole: lo annusano, lo assaggiano, ma paiono non aver la più pallida idea sul come usarlo.
Allora, in attesa che prendano confidenza con la modernità (speriamo non ci vogliano millenni), diamo loro qualche altro spunto di riflessione grazie ad Alessandro e a questa sua pacata e precisa analisi del portale dal punto di vista di un web designer.

Sono un web designer per cui faccio alcune considerazioni su quel che riguarda la qualità delle produzione e con uno sguardo all’usabilità. Ovviamente non voglio soffermarmi sulle scelte stilistiche, perchè sono troppo soggettive, però focalizzerò la mia attenzione su difetti e imprecisioni “oggettive”. E purtroppo sono tante le pagine che avrebbero bisogno di una “rivisitazione”.

PAGINA DI BENVENUTO
In questa pagina un’improbabile animazione in Flash, compone il nostro “stivale”.
C’è una barra grigia in alto con su scritto “Cosa accade in Italia”. Se si cambia lingua questa scritta diventa “What’s up in Italy” in lingua inglese. Il problema che la stringa appare in inglese anche per le scelte “deu” o “chi”.
Stesso discorso per l’orologio.

HOME PAGE
Come premesso non farò quasi mai riferimenti alle scelte di design, colori o font perchè ogni opinione può essere discussa, ma questo non vuol dire che non ci siano elementi (in ogni pagina) che potrebbero essere notevolmente migliorati.
Nella home, precisamente nella sezione head, subito dopo il menù principale, troviamo un filmato flash con alcune foto evocative.
A mio avviso è errato il comportamento della pagina che non “adatta” il filmato swf alla risoluzione del monitor. Con risoluzioni maggiori a 1024×768 la pagina lascia un orrendo sfondo grigio nella sezione “head”, facendo galleggiare in modo improprio il filmato flash.
Questo comportamento si riflette su tutte le pagine interne al portale.

Per quanto riguarda il menù principale è scorretto il comportamento dei pulsanti quando si trovano sulla stato “attivo”. Se ad esempio clicco su “Visitare l’Italia”, correttamente il pulsante viene evidenziato graficamente in modo diverso, però cliccandoci ancora su, ricarico inutilmente la pagina visualizzata in quel momento. Questo comportamento potrebbe essere corretto solo nelle pagine di 2° livello, anche se è pleonastico, vista la presenta delle briciole di pane.

In fondo pagina prima del footer troviamo tre aree di color arancio, che messe così sembrano essere parte integrante dei tre box sopra. Passando sopra a questo errore, segnalo che cliccando sul primo box a sinistra “XXI Photo Magazine”, il sistema dovrebbe aprire un file pdf, che però in tutte le prove che ho fatto la pagina genera errore (testato con IE6+ e FF). A questi livelli non sono accettabili pagine di errore.

LINK E APPROFONDIMENTI
Questa discorso è valido in generale per ogni pagina del portale a cominciare dalla Home page.
Non è possibile progettare un link di approfondimento ad un argomento, incastonato nel normale flusso del testo descrittivo dell’argomento stesso.
Questo grosso difetto si manifesta già nei box in home. Subito dopo il testo descrittivo di colore nero troviamo la scritta “continua” che è presentata senza nessun elemento di caratterizzazione diverso dal testo che lo precede. Sarebbe bastato un grassetto, porlo a capo del testo, metterlo in risalto con una freccia, ma anche con un colore diverso dall’attuale che è davvero vicino al nero del testo (precisamente un #000098).
Ci vuole un pò di impegno per vedere e distingere i link messi in questo modo. Il link sembra essere parte del testo, il richiamo a cliccarci su non è affatto intuitivo.
Non voglio essere estremista suggerendo un effetto di sottolineatura a tutti i link del portale (come suggerisce l’amato/odiato Nielsen), ma queste leggerezze sono davvero da principianti.

Proseguendo con l’analisi dei link, durante la navigazione del portale ho notato altre gravi incongruenze.

In generale i link non presentano mai la stessa scelta cromatica e di dimensioni dei font. A questo si aggiunge che i link, alle volte sono evidenziati con spessore del font grasssetto, alle volte no. Noto link di colore #4a545b, #006699, #000000 e (come già detto) #000098.
Sempre i link alle volte presentano elementi grafici (come le freccette), molto spesso sono parte del testo, anche quando sono link che portano a schede di approfondimento quindi link “estranei” al contenuto descrittivo.
Alle volte il link viene evidenziato con colori tendenti al blu, alle volte questo stesso colore blu, invece di evidenziare un link, evidenzia la pagina vista in quel momento. Questo accade ad esempio nella barra briciole di pane, in cui il blu evidenzia l’ultima pagina della struttura (quella visitata attualmente), mentre i link sono neri.

VISITARE L’ITALIA
In questa sezione trovo un menù contestuale disposto a sinistra con colore verde (come la barra del pulsante nel menù generale). Il menù è composto da 4 link principali.
Tra queste 4 voci, “Regioni” presenta dei grossi problemi di sviluppo. Se ci clicco su (il percorso completo sarebbe Home>Visitare l’italia>Regioni), coerentemente alle altre 3 voci del menù contestuale, mi si presenta una sottovoce, chiamata Province. Il click su regioni fà apparire nella pagina il contenuto che presenta l’elenco delle Regioni.
Fin qui ok. Io in questa pagina posso esplorare tutte le Regioni italiane.
Se però provo a cliccare su una delle Regioni, oppure sul link “Province” sotto la voce “Regioni”, il menù di destra si rivoluziona. Innanzitutto appare una nuova voce che non c’era prima, “Comuni”. Ma la cosa peggiore è che, se clicco su “Province” il titolo “Regioni” del menù contestuale cambia diventando “Italia”. Se clicco sulla voce “Italia” (già un errore rendere linkabile il titolo di sezione) il portale mi porta alla pagina “Visita l’Italia” che è la home page di sezione del menù generale.

Una confusione pazzesca.

A peggiorare le cose notiamo che il menù contestuale (quello formato da 4 voci) è sparito, c’è un altro menù divisto in “Organizza il viaggio” e “Vacanze attive”.
Questo è uno dei tanti esempi errata navigazione incrociata o cross-navigation, davvero molto importante in portali di questa consistenza.
Se ora voglio tornare alla sezione “Ambiente” devo tornare indietro col browser o utilizzare la barra briciole di pane (ricordo che questa barra deve essere integrativa alla navigazione, non la deve sostituire. Il suo compito naturale è quello di tenere una traccia visuale della profondità in cui mi trovo durante la navigazione). In pratica per poter passare ad un’altra sezione, ad esempio “Ambiente”, devo per forza tornale alla “home di sezione”, ossia “Visitare l’Italia”.
Tra le altre cose, entrano della sezione “Province” o “Comuni”, per voler vedere l’elenco delle regioni, o torno indietro o clicco su “Regioni” nelle briciole di pane. Da notare che rendere “linkabile” l’ultima voce delle briciole di pane è un errore ed è incoerente con il comportamento nelle altre situazioni analoghe.

Davvero imbarazzante la gestione del testo all’interno delle schede Regioni, Province, Comuni. Ad esempio nella scheda della regione Puglia, il testo è piatto e i vari capitoli non evidenziati a dovere. Durante la lettura l’utente non incontra mai un grassetto o una foto che possa spezzare la monotonia di troppe righe di testo.

Gli errori di cattiva gestione dei link attivi del menù principale si ripercuote su questa sezione come su tutto il portale. Arrivando all’ultimo livello di navigazione di questa sezione, ossia “Comuni”, il portale mi porta in un vicolo cieco.
Selezionando un comune qualsiasi, l’unico ausilio alla navigazione a ritroso è ancora la barra briciole di pane. Troppo poco.

COSA FARE
Nella sezione “Cosa fare” altre imprecisioni e inesattezze. Nelle pagine “Arte e Cultura>Musei”, oppure “Salute e benessere>Località termali” (vale per tutte le pagine di 3° livello), vengono presentati 3 box con argomenti in evidenza. Alla fine di questi 3 box ancora un’utile ripetizione con un box titolato “In evidenza” che riporta gli stessi 3 item. Perchè?

Ci sarebbe solo un unico link utile “Vedi tutti” per vedere tutti gli item relativi a quella sezione. Ma per immettere questo utile link bastava inserirlo da solo, senza quel box contenente inutili ripetizioni. A questo punto in quel box si potevano evidenziare altri record presi “random”, ma che non siano gli stessi già evidenziati.
Per compromettere ancora di più la coerenza in alcune pagine, questo box manca, come nella pagina “Monasteri,abbazie e conventi”.
Praticamente ogni sezione è gestita in modo diverso generando un disorientamento nell’utente, anche nel più esperto dei navigatori.
Discorso già segnalato in altri post del blog, per l’area di ricerca a destra, ossia “Esplora”. A che serve avere una select quando non posso selezionare nulla? Incredibile!

ITINERARI
Gestione del testo, dicevo disastrosa. Nella sezione “Itineari” il testo nero, si confonde con i link che sono di un colore davvero irriconoscibile e non presentano altri segni di evidenziazione (come la sottolineatura).
Sempre in questa pagina i box in basso (con cornici verdi) sono gestiti con dimensioni e spaziature che evidenziano una mancanza di precisione dell’impaginare.
Questi box con cornici verdi sarebbe stato meglio farli dello stesso colore della sezione (una specie di rosso/rosa).

EVENTI
Non afferro bene il perchè in questa sezione le sottovoci non siano presenti nel menù contestuale di destra. Cliccando su Eventi>Premi e concorsi, c’è nel corpo pagina “Ti interessa? Allora vedi anche” con dei link ai principali Premi e concorsi in italia.
Questi link dovrebbero per logica essere presentati come sottovoci della sezione “Premi e concorsi”. Ovviamente per “coerenza” l’errore è ripetutto per tutte e 7 le sezioni.

ORGANIZZA IL TUO VIAGGIO
Con tutto quello detto nelle altre sezioni, questa si presenta leggermente meglio, con capitoletti evidenziati in grassetto e una buona coerenza tra le sottosezioni.
Unico dubbio è la presenza delle news, in questa sezione.
A mio avviso la sezione “News” dovrebbe essere trasversale a tutto il portale, oppure prevedere tante sezioni per ogni macro-area.

BARRA LATERALE DESTRA
Onestamente non capisco la presenza della barra laterale destra, visibile solo in HomePage. Si è provato a dare dei riferimenti veloci al navigatore, ossia box “in evidenza” o link veloci. Obiettivo non raggiunto perchè la logica si è fermata solo alla Home.
La barra destra poteva essere egregiamente utilizzata anche nelle varie macro-aree, presentanto contenuti random ma attinenti, rendendo più vivace e menio statica la fruizione dei contenuti.

CAMPO DI RICERCA
Se provate a cercare qualcosa nel campo di ricerca, situato in alto nella pagina, otterrete dei buoni risultati. La composizione dei risultati è strana però. Il mio intento era quello di cercare il mio comune (San Vito dei Normanni). Ho scritto solo “San Vito”.
La ricerca ha presentato buoni risultati, ma a fianco di ogni nome del comune appare la scritta “Benvenuto”! A che serve?

Ho notato che la ricerca viene fatta nel titolo e nel testo delle schede, ma solo nelle schede comuni, alberghi e simili. I personaggi come “Dante Alighieri” non compaiono, possibile?
Ho cercato “Dante Alighieri”, uno dei primi risultati (il numero 9) è un albergo che è situato in VIA DANTE ALIGHIERI.
Beh per un turista è un’informazione davvero indispensabile!
O no?

16 comments so far

  1. Chiara on

    Bella analisi.
    Mi risulta che una nota multinazionale dell’informatica, passata dalla produzione di computer alla consulenza in tema di e-business, ha bisogno urgente di un consulente per un grosso progetto di Destination Management System. Sei mica disponibile…???

  2. Alessandro D'agnano on

    Certo che lo sono!

    Grazie in anticipo per la considerazione!

    Saluti

  3. Luca Carlucci on

    Se Chiara si riferiva a IBM, temo che Alessandro dovrà aspettare qualche mesetto: sono tutti impegnati a leggersi “Blogging for dummies”, poi dopo ci sono i brainstorming, e poi le sedute con lo psicoterapeuta aziendale che gli deve insegnare a ricominciare a dire “io”.

    Poi, su tutta l’esperienza, faranno un comunicato stampa.

  4. Trent on

    Un’analisi simile è già stata pubblicata su Punto informatico il 26/2/2007
    http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1905861&p=3&r=PI

  5. frap1964 on

    @Luca
    Beh… penso sarebbe un bel gesto di distensione se aprissimo una sottoscrizione per regalarne una copia a IBM. Anzi guarda, per soli $31.44 Amazon fornisce in bundle “Buzz Marketing with Blogs for Dummies”. :-D

  6. Sandra on

    Non discuto nemmeno sul design, per quanto credo di averne titolo, avendo contribuito con un capitolo sul web design ad un libro di content management e avendo tenuto corsi presso scuole di specializzazione varie, per diversi anni, sull’argomento.
    Due cose mi bastano per qualificare Tiscover:
    1) la conoscenza dell’Italia e dell’italiano, testimoniata dalla pagina “chi siamo” sul loro sito. Cito testualmente “La nostra esperienza quindicenne nel settore vacanze e tempo libero”.
    Ogni commento è superfluo.
    Auguri alla quindicenne Esperienza: spero che la sua adolescenza sia meno pesante del nome che le hanno appioppato.
    2) Sto al momnto collaborando con un’amministrazione locale per la realizzazione di alcuni contenuti di argomento turistico all’interno del loro portale. Durante le mie ricerche mi sono imbattuta anche in Tiscover: diverse pagine sugli argomenti che sto trattando, molte foto. Qui sta il problema: le foto sono state usate senza l’autorizzazione del fotografo, che ne è l’esclusivo proprietario e che le aveva concesse in uso UNICAMENTE al locale ufficio turismo e solamente per la realizzazione di alcuni materiali cartacei. I testi? Copiati di sana pianta dalle brochures del suddetto Ufficio Turismo.
    In conclusione, non solo la qualità dei loro prodotti è scarsa, ma per produrli commettono dei reati, violando le elggi sul copyright.

    Però, se un ragazzino qualunque scarica una canzone con un sistema peer-to-peer viene assimilato ad un borseggiatore, mentre se una società di cialtroni (almeno la superficialità è assodata) copia di sana pianta materiale altrui e ne trae profitto vendendo le inserzioni sui suoi siti, vince un contratto milionario con il Governo!

  7. frap1964 on

    @Sandra
    Puoi essere più precisa rispetto a foto, amministrazione locale, Ufficio Turismo e brochure? Altrimenti rimane un’accusa (anche grave) buttata lì ma non circostanziata, cosa che sul blog si è sempre cercato invece di fare.

  8. gian70 on

    In due parole, qualcuno ci dice secondo lui quanto potrebbe valere la realizzazione di un sito così? grazie

  9. chillout81 on

    se mi date 1000 euro ve lo rifaccio io!però lo stato deve restituire tutto ai contribuenti!!!

  10. marco on

    Mi sembrano tutte accuse più che critiche…. da soliti “Italiani” repressi per non essere stati coinvolti nel progetto.
    Auspicherei delle critiche costruttive e non distruttive.
    Inoltre per quanto riguarda lo “spreco” di denaro forse è la falla minore….. ne esistono di ben più grandi.

  11. haxl on

    Non so se avete notato: sul sito di Tiscover hanno corretto il succitato “esperienza quindicenne” in “esperienza di oltre 15 anni”… tanto per non sbagliarsi!

  12. Sandro on

    non mi entro nel merito dell’applicazione in se. da piu’ di 20 anni sono un progettista e sviluppatore di software, anche se le web applications e i protali non sono il mio settore principale. voglio comunque entrare nel merito dei costi. una cifra del genere e’ uno sproposito! tenete conto che con gare di appalto di gran lunga inferiori in termini economici, la pubblica amministrazione ha sviluppato sistemi di gestione di gran lunga piu’ complessi. ho fatto “un giretto” sul portale incriminato seguendo l’analisi fatta da Alessandro. Io, con la mia azienda, un’applicazione di questo genere l’avrei realizzata con 500mila euro (definizione e caricamento contenuti compresi nel prezzo), hardware e manutenzione escluse (non piu’ di 150mila/anno). e tralascio che una cifra del genere mi avrebbe “fatto ridere” parecchio.

  13. Raffaele F. on

    Almeno su Italia.it qualche spunto di riflessione c’era. Proviamo a fare la stessa analisi per
    http://www.turiscalabria.it ?

    Costo: 1 milione e 400 mila euro (100k euro + o -).

    Divertitevi :)

  14. […] Il “dialogo” con IBM/ITS/Tiscover (le tre aziende che con 9.6 milioni di euro IVA compresa e quasi due anni di lavoro hanno realizzato il portale) è partito, con effetti oggettivamente grotteschi: se il blog è un ambiente e un dispositivo comunicativo con la sua logica e le sue leggi, loro lo stanno (per ora) uccidendo usandolo come vetrina per comunicati stampa anonimi e con una totale “assenza” di qualsiasi dialogo e comunicazione. Sembrano, tutto sommato, esseri primitivi alle prese con un apriscatole: lo annusano, lo assaggiano, ma paiono non aver la più pallida idea sul come usarlo. Allora, in attesa che prendano confidenza con la modernità (speriamo non ci vogliano millenni), diamo loro qualche altro spunto di riflessione grazie ad Alessandro e a questa sua pacata e precisa analisi del portale dal punto di vista di un web designer. Fonte: scandaloitaliano – http://www.italia.it / Fenomenologia e scandalo di un webmostro italiano Vai all’articolo […]

  15. Johng532 on

    It is also possible that Zynga’s chosen advertising network is to blame if we bakeaeeafdkc

  16. Johne873 on

    I conceive this website has got some rattling superb info for everyone. Dealing with network executives is like being nibbled to death by ducks. by Eric Sevareid. ebcbkgdddbfa


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: