Archive for the ‘politica’ Category

Italia.it, il punto nero della situazione

Benritrovati. C’eravamo lasciati qui, al gennaio scorso.

Ovvero quando, dopo quasi un anno di patetici tentativi di negare l’evidenza e i milioni spesi, il portale nazionale del turismo è stato messo off line per conclamata e non più negabile inadeguatezza.

Il governo Prodi era ancora in carica seppur caduto, ci si preparava alle imminenti elezioni, e nel caos del si salvi chi può v’erano sul tavolo due questioni  cruciali per il futuro del portale: l’assegnazione definitiva alle Regioni dei famigerati 21 milioni loro destinati dal progetto originario (nei fatti fallito) per produrre i contenuti, e il passaggio gestionale del progetto dai ministeri a ENIT, la perennemente riformanda Agenzia Nazionale del Turismo in cerca di uno scopo nella vita – agenzia all’epoca diretta da mr. Microsoft Umberto Paolucci, uomo di una provvidenza turistico-tecnologica che non è mai arrivata.

Così, in quei giorni, da un lato Enrico Paolini, assessore al turismo della Regione Abruzzo, nonché coordinatore di tutti gli assessori al turismo regionali, nonché vicepresidente di ENIT, martellava come un pazzo il ministro Luigi Nicolais affinché firmasse prima delle elezioni le carte per trasferire i 21 milioni alle regioni, e dava la cosa ormai per fatta.

Dall’altro i vari attori istituzionali – Nicolais, il vicepresidente del Consiglio con delega al turismo Francesco Rutelli, il capodipartimento del DIT ingegner Ciro Esposito, lo stesso Paolini – continuavano a ribadire come un mantra apotropaico che “il portale sarebbe passato a ENIT, ENIT sta per gestire il portale, ecco, adesso passiamo il portale a ENIT” – si noti che al tempo stesso, abbastanza spassosamente, il presidente di ENIT Paolucci sulla questione non si schiodava da un cauto possibilismo dalle nuances decisamente funeree.

E da allora ad oggi cos’è successo?

Continua a leggere

Annunci

“Stanca contro Rutelli”, il film di italia.it (ma erano meglio Franco e Ciccio)

di Luca Carlucci

Dopo Godzilla contro Gamera, dopo Gianni e Pinotto contro l’uomo invisibile, dopo Sansone contro il Corsaro Nero, il filone degli scontri lisergico-surreali da cinema di serie B s’arricchisce di un nuovo improbabile episodio. E non si può dire che sia tra i più riusciti, proprio no. Dialoghi ipertrofici e pochissima azione. Un mix letale tra il Bergman di Sussurri e grida e i Franco e Ciccio di I due magnifici fresconi. Siete avvertiti.

Continua a leggere

Il muro degli impuniti. Documenti di italia.it, il Governo dice NO anche ai consumatori

Ricordate? Scandaloitaliano ha promosso un appello, firmato da 1500 cittadini, per chiedere l’accesso agli atti di realizzazione del portale nazionale del turismo italia.it. Un manufatto statale di qualità pessima costato milioni di euro appartenenenti alla comunità.

Il Governo ha risposto “No”, perché “il generico interesse al buon andamento della Pubblica Amministrazione non è giuridicamente tutelato”, e scandaloitaliano, raggruppamento generico di cittadini, non è un ente portatore di interessi specifici.

Allora Generazione Attiva, associazione per la difesa dei diritti dei consumatori fondata da Andrea D’Ambra, fatto suo l’appello di scandaloitaliano, ha inviato analoga richiesta di accesso agli atti di italia.it: questa volta non a nome di un gruppo non ben specificato di cittadini, ma a nome di un’associazione di consumatori, portatrice di interessi ben definiti.

E la risposta è arrivata:

Continua a leggere

Italia.it: tre fischi e si chiude. Fine.

di Francesco Aprilemillionportalbay.wordpress.com

Siamo al triplice fischio finale: FINE.
Signori, si chiude. Cala il sipario.

Lo ha detto chiaro e tondo due giorni fa il Vice Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministro per i Beni e le Attività Culturali Francesco Rutelli in sede di audizione alla X Commissione Attività Produttive della Camera, nell’ambito dell’indagine conoscitiva sull’attuazione della legge 29 marzo 2001, n. 135, concernente la riforma della legislazione nazionale sul turismo.

E’ la stessa indagine che il 19 settembre aveva portato in audizione Guido Venturini del TCI e Ciro Esposito, capodipartimento del DIT. L’audizione anche allora era stata trascritta, nella parte di interesse, su questo blog [The Million Portal Bay – ndr]. Rutelli aveva già parlato presso la X Commissione e sul medesimo tema all’incirca un anno fa.

La notizia dell’ “ufficiale de profundis” è stata pubblicata da Andrea G. Lovelock su Italia Oggi: il pezzo è leggibile qui, direttamente nella rassegna stampa della Corte dei Conti.

Continua a leggere

Un po’ di luce sui conti di italia.it

Ove si risveglia questo blog per narrare di alcune precise domande rivolte via e-mail a Lelio Alfonso, responsabile della comunicazione istituzionale del Governo, a proposito della situazione contabile di italia.it, e si espongono le risposte da lui ricevute.
Ove si apprende, tra le altre cose, che tra le cifre stanziate ci sono altri due milioni di euro che non conoscevamo, per un totale finale di circa 58 milioni, e che di questi, ancora da impegnare, ne rimangono circa 22.
Ove il quadro finale dei conti confermato dal Governo è questo:

STANZIAMENTI GLOBALI PER ITALIA.IT
– 45 milioni (dal “Fondo di finanziamento per progetti strategici nel settore informatico”. allocazione: 20 per realizzazione+promozione; 21 alle regioni per contenuti; 4 per contenuti “redazione nazionale”)
– 2,1 milioni (contributo dalle regioni del 10% su 21 milioni a loro destinati)
– 9 milioni (da fondi Ministero Ambiente – vedi Legge 14 maggio 2005, n.80, art.12, commi 8-11)
– 2 milioni per promozione del portale (da D.P.C.M. 22.07.2005)
totale: 58,1 milioni di euro

SOMME IMPEGNATE AD OGGI
(cioè destinate irrevocabilmente a una specifica voce di spesa)

– 9.6 milioni (appalto a RTI IBM/ITS/Tiscover per realizzazione piattaforma tecnologica, IVA compresa)
– 1,237 milioni per spese appalto, studio di fattibilità e altre incombenze preliminari
– 21 milioni alle regioni per contenuti (attualmente in fase di assegnazione)
– 2,1 milioni dalle regioni per contenuti (idem)
– 2 milioni per promozione del portale
totale: 35.9 milioni di euro

FONDI DISPONIBILI NON ANCORA IMPEGNATI
totale: 22,2 milioni di euro (di cui 11, nella disponibilità del DIT, destinati al miglioramento di piattaforma e funzionalità dell’attuale portale, e 9 nella disponibilità del ministero dell’Ambiente).

Continua a leggere

italia.it? Non sono affari vostri (o: e la commissione disse no…)

UPDATE 23/07/2007 – IL RICORSO CONTRO IL “NO” DEL DIT
Dunque, 1500 cittadini chiedono, in sede politica, l’accesso agli atti di italia.it. La politica recepisce la richiesta in chiave strettamente amministrativa e, invocando la legislazione vigente, risponde picche.
Allora, sulla base della legislazione vigente, Francesco Aprile, uno dei curatori dell’iniziativa “lettera a Prodi – Italia.it tutto chiaro!”, a nome e per conto di scandaloitaliano ricorre contro la decisione del DIT appellandosi alla Commissione per l’accesso agli atti della Pubblica Amministrazione – la stessa Commissione che il DIT dice di avere consultato, senza fornirci però alcuna evidenza documentale della pronunciazione della commissione.
Dal blog The Million Portal Bay, ecco il pugnace testo del ricorso, ed un invito a riusarlo e personalizzarlo per sommergere la suddetta commissione di ricorsi: basta una mail a commissione.accesso@governo.it

E dunque, dopo la lettera al Governo promossa da questo blog, firmata da 1500 persone, per chiedere di vedere la documentazione relativa al portale italia.it, e dopo una prima risposta governativa che, sotto il mortifero eloquio burocratese, trasudava una sensuale voglia di “no”, solo mitigata da un certo timore ad esporsi in prima persona, con conseguente uso a mo’ di paravento dell’ennesima commissione-qualcosa (sarebbe da farci un censimento delle commissioni-qualcosa che infestano la macchina pubblica: secondo noi sono migliaia, e la lista un capolavoro di comicità burocratica) – insomma, dopo tutto ciò, ecco che la commissione si esprime, e arriva la risposta definitiva.

[Risposta definitiva della Presidenza del Consiglio: SCARICA .PDF]

Ovverosia:

Continua a leggere

Lettera a Prodi, la Presidenza del Consiglio risponde: il controllo del buon andamento della Pubblica Amministrazione non riguarda i cittadini

Dopo la lettera a Prodi, Rutelli e Nicolais firmata da 1500 cittadini, buona parte dei quali professionisti di web e multimedia, lettera in cui si richiedeva come atto di trasparenza e di buona volontà la messa a disposizione della documentazione relativa alla realizzazione del portale italia.it, ecco, al fine, un cenno di vita dalla Presidenza del Consiglio.

Oggi 22 maggio 2007, dall’indirizzo email postacertificata.dit@palazzochigi.it abbiamo ricevuto come allegato PDF la seguente risposta:

RISPOSTA alla LETTERA A PRODI – SCARICA PDF

Essa si compone di due documenti.

Continua a leggere

UNIONTURISMO: “Stupore e indignazione per italia.it, il Governo intervenga”

UNIONTURISMO associa gli organismi pubblici italiani del turismo: Aziende di Promozione Turistica (APT), Aziende di Soggiorno (AST), Enti Provinciali del Turismo (EPT) e Aziende Provinciali Siciliane (AAPIT). Hanno facoltà di associarsi anche enti locali e organismi privati quali enti e consorzi che si occupino di turismo e Pro loco.
Questa sera la presidenza dell’Associazione ha diffuso il seguente comunicato, nel quale si chiede un urgente intervento del Governo affinché i “gravissimi errori” del portale siano corretti, e si mobilitano tutte le APT e le aziende di soggiorno d’Italia perché contribuiscano alla formazione di un dossier sullo stato del portale. Nel comunicato si cita esplicitamente il lavoro di analisi e informazione svolto da scandaloitaliano – che, nei giorni scorsi, aveva provveduto a inoltrare un comunicato informativo a tutte le associazioni di categoria ed enti del turismo italiano.

Continua a leggere

Mille firme per Prodi, Rutelli e Nicolais

UPDATE: e nel frattempo anche scandaloitaliano compie le 100.000 visite/clic in una trentina di giorni di vita. Forse è tanto, forse ci sarebbe da essere contenti. A noi macchinisti, però, più che festeggiare, interessa ricordarvi di non vedere il blog come una cosa “frontale”, da leggere e basta, ma come una cosa cui partecipare e dare il vostro contributo, nei modi che riterrete più consoni e opportuni (post, segnalazioni, commenti, diffusione etc).
E dunque: Partecipa! e scandaloitaliano@gmail.com.

Continua a leggere

Prove tecniche di democrazia elementare: perché firmare la lettera aperta a Prodi per fare chiarezza su italia.it

Funziona così.

Alcune leggi dello stato Italiano, oltre che, come dire, un basilare buon senso civico, stabiliscono che i cittadini hanno il diritto ad avere accesso agli atti della loro Pubblica Amministrazione.

Beh, i motivi sono talmente evidenti che non ci sarebbe nemmen bisogno di spiegarli: i cittadini sgobbano dalla mattina alla sera, il loro lavoro è monetizzato in uno stipendio, e una bella fetta di questo stipendio va nella cassa comune della comunità.

Continua a leggere

“Con italia.it enorme danno alla Liguria”: denuncia in arrivo per Rutelli

15 Marzo, notizia IGN/Adnkronos: 2 consiglieri regionali (AN) presenteranno denuncia con richiesta risarcimento danni contro il ministro Francesco Rutelli e “il curatore del portale”.

Di seguito i passi salienti della notizia (neretti nostri), e i commenti agli scandaloitalianisti.

Continua a leggere

Ultim’ora: la Regione Veneto chiede che siano messe offline le pagine sul Veneto di italia.it

L’ufficio Stampa della regione Veneto ha diffuso ieri un comunicato stampa da cui si apprende che il Vicepresidente del Consiglio Regionale veneto nonché Assessore alle Politiche dell’Agricoltura e del Turismo, nonché membro del cda di ENIT (ovverosia l’ente predestinato a gestire in un vicino futuro il portale) Luca Zaia (Lega Nord), ha indirizzato a Rutelli una lettera in cui chiede di “oscurare” le pagine dedicate alla sua regione, “per tutelare l’immagine del Veneto prima che i danni diventino irreparabili”.

Sincera preoccupazione o prime prove di strumentalizzazione politica della vicenda? Il dubbio è lecito. In attesa di ulteriori elementi di giudizio, registriamo la voce secondo cui pare che la cosa stia suscitando un certo clamore nei palazzi romani.

Di seguito la nota stampa in versione integrale.

Continua a leggere

Accessibilità di italia.it: l’on. Palmieri scrive a scandaloitaliano

A proposito dell’interrogazione parlamentare degli onorevoli Palmieri e Campa di mercoledì 7 marzo riguardante lo stato di accessibilità del portale italia.it (di cui abbiamo abbondantemente parlato in questo post) l’on. Antonio Palmieri, parlamentare di Forza Italia nonché coestensore della legge Stanca, ha scritto a scandaloitaliano per precisare quanto segue.

Continua a leggere

Rutelli riceve 3250 No al Marchio Italia

scandaloitaliano ha sostenuto e “fatta sua” la petizione dell’AIAP (associazione italiana progettazione della comunicazione visiva) contro il bitorzoluto cetriologo fin dal primo istante, come testimonia il banner qui a destra sulla sidebar.

E dunque facciamo nostro e rilanciamo anche l’aggiornamento sullo stato della questione scritto ieri da Gianni su SocialDesignZine, e-zine dell’Aiap.

Le firme contano

Cari firmatari della Lettera aperta / Petizione che chiede di ripensare la scelta del marchio “it”, sarete felici di sapere che il documento con allegate le oltre 3250 firme fin qui raccolte, è stato consegnato al ministro Francesco Rutelli e al presidente della Commissione Cultura Pietro Folena.
E che, dopo l’incontro di ieri alla Camera dei Deputati di una delegazione dell’Aiap con l’onorevole Giuseppe Giulietti, ci sono già alcuni risultati significativi.
Continua a leggere

Ultim’ora: interrogazione parlamentare sull’accessibilità di italia.it

E’ appena andato in onda su Raidue (ore 16.00 circa) il consueto appuntamento con il Question Time governativo, in cui esponenti del governo rispondono alle interrogazioni dei parlamentari.

Gli onorevoli Palmieri e Campa di Forza Italia, coautori della Legge Stanca sull’accessibilità, hanno chiesto “con preoccupazione” se risponde al vero, come si può leggere su blog e quotidiani, il fatto che il portale del turismo italia.it non soddisfa i requisiti della suddetta legge, costituendosi come “inaccessibile”, con particolare riguardo ai portatori di disabilità.

Per il governo ha risposto il Ministro per i Rapporti col Parlamento Vannino Chiti (DS).

Continua a leggere

La posizione della Margherita su italia.it, e qualche prima piccola obiezione

Dunque, il tavolo su italia.it di lunedì 5 marzo si è svolto, e l’Osservatorio sulle ICT della Margherita ci offre le sue conclusioni in questo comunicato.

Si noti che esiste anche un audio completo della riunione, per i più coraggiosi.

Anche Paolo Zocchi, presidente dell’Osservatorio, ha parlato della cosa in un post sul suo blog personale.

Vediamo cosa ci dicono di rilevante.

Continua a leggere

URGENTE: adotta un membro della Margherita, uno di quelli che lunedì 5 marzo incontreranno IBM e Sviluppo Italia per parlare di italia.it, e ricondizionagli la mente in vista dell’incontro! ENTRO LUNEDI’!

UPDATE: ore 17.53, la riunione si spera sia cominciata, e l’inizativa di adozione viene sospesa. Procediamo a rimuovere la lista delle e-mail per non invitare a comportamenti spammatori e inutilmente molesti. Manteniamo linkata la lista dei membri dell’Osservatorio ICT della Margherita che può sempre tornare utile: se li volete contattare, trovate le e-mail a giro sulla rete.

NOTA PER GLI AMICI DELLA MARGHERITA: ci teniamo a precisare che la presentazione di questa iniziativa è esplicitamente surreale e ironica. E che il suo unico scopo, questo molto serio, è accendere i riflettori su una potenzialmente utilissima iniziativa politica – l’incontro da voi promosso – e invitare coloro che fanno parte del progetto di questo blog alla partecipazione attiva. Buon lavoro per lunedì.

Lunedì 5 Marzo alle 17.30 a Roma gente della Margherita incontrerà gente di Sviluppo Italia, IBM e Ministero Beni Culturali per fare il punto della situazione su italia.it [fonte con le specifiche]

Per l’occasione scandaloitaliano vi fornisce uno sciccosissimo

KIT DEL CITTADINO INCAZZATO CHE FA FINTA DI AVERE FIDUCIA NEL SISTEMA

Continua a leggere

Lettera aperta a Paolo Zocchi

Paolo Zocchi è il presidente dell’osservatorio sulle ICT della Margherita, nonché Consigliere per l’Innovazione del Ministro per gli affari Regionali e le Autonomie Locali Lidia Lanzillotta.
Come sapete, lunedì Zocchi incontrerà IBM e Sviluppo Italia per fare il punto della situazione su italia.it
Gli ho indirizzato questa missiva tramite lo spazio commenti del suo blog personale.

Continua a leggere

AIAP inizia a ballare: lettera al Presidente del consiglio

Aggiornamenti quasi in tempo reale dal fronte dell’AIAP, riprendendo il nostro primo post in merito, l’Assocazione Italiana Progettazione per la Comunicazione Visiva ha pubblicato una lettera aperta al Presidente del Consiglio per sottolineare il malcontento diffuso degli addetti ai lavori, per chi volesse firmare: http://sdz.aiap.it/notizie/7311